San Martino: tradizioni, corna, castagne e vino

--> Leggi l'articolo originale qui <--


Si festeggia oggi, 11 novembre, San Martino di Tours: largo a vino novello e castagne arrosto, con la variante del menu composto da rigatoni al sugo o al ragù e salsicce.

San Martino, in Abruzzo, non è solo il santo originario di Tours, il quale donò metà del suo mantello ad un povero infreddolito.

san martino

Nella nostra regione, la festa ha un significato strettamente legato alle tradizioni agricole: un capodanno rurale celebrativo, a suon di vino novello e castagnate, dei contratti agricoli, da sottoscrivere a vendemmia conclusa, con le olive in frantoio e con la messa a riposo dei campi.

San Martino, protettore dei… cornuti

C’è anche un aspetto decisamente più folkloristico, legato all’infedeltà. San Martino sarebbe infatti il protettore dei mariti traditi in base ad una leggenda che vuole la sorella di San Martino sottrarsi allo sguardo del proprio marito e del fratello religioso e commettere adulterio. Ma c’è anche una spiegazione più mitologica: il Dio della guerra Marte divenne l’amante di Venere, Dea della bellezza. I due amanti furono sorpresi da Vulcano, Dio del fuoco e marito di Venere. Furente dalla rabbia, Vulcano rinchiuse i due amanti in una rete di ferro per mostrare a tutti gli Dei il torto subito e averne comprensione. Libererà poi i due amanti solo grazie all’intercessione di Nettuno.

marte, venere, vulcano

“Marte e Venere intrappolati nella rete da Vulcano” olio su tela di Maarten van Heemskerck, 1540

San Martino: le tradizioni e la cucina in Abruzzo

Sembra che già prima dell’ ‘800, in questo giorno, si svolgessero feste in cui si faceva sfilare il bestiame con le corna per propiziare la fertilità. Ancora oggi la tradizione si rinnova, a San Valentino in Abruzzo Citeriore (Pescara) con una processione in cui tutti indossano delle corna. In questo paese si porta in processione anche la “Reliquia”, una sorta di simbolo fallico coperto da un velo, accompagnato per le vie del paese dall’ultimo degli sposati dell’anno precedente. Durante il corteo, poi, la “reliquia” viene scoperta e passata in consegna allo sposo più recente.

Anche nell’aquilano si venera San Martino: è Santo Patrono di Gagliano Aterno, dove ieri lo si è festeggiato con musica e un pranzo sociale a base di polenta, salsicce, spuntature, castagne e vino novello.
A Scanno, il giorno di San Martino, i giovani danno fuoco alle “Glorie”.

glorie scanno

Si tingono il volto con il carbone e improvvisano canti e balli, inneggiando alla propria contrada intorno ai “palanconi”, alte cataste di legna e sterpaglie costruite nelle alture a cui viene dato fuoco. Una volta bruciato, il palancone viene offerto alla sposa novella che offre vino e dolci a tutti. I falò sono così luminosi e così alti (anche 20 metri) che si vedono anche a distanza.

Sempre a Scanno si possono mangiare, a San Martino, le pizze con i quattrini: proprio perché San Martino è il santo dell’abbondanza, si mangia questa tipica focaccia a base di farina gialla, miele, noci e fichi secchi e che nasconde una monetina al suo interno.

L’abbondanza, la fertilità, la dispensa piena, in poche parole, tornando indietro di generazioni: e il detto “Ci sta lu sante Martino” sta proprio a significare che in una casa, ringraziando il cielo, non mancano le provviste.

L’articolo San Martino: tradizioni, corna, castagne e vino sembra essere il primo su Il Capoluogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *